The Church of Jesus Christ of Latter-day Saints

Mormon Temples

I templi

Perché i mormoni costruiscono i templi

La Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni costruisce templi sin dagli anni 1830. In questo video, teologi di diverse fedi parlano dell’importanza del culto reso nei templi dagli inizi della storia umana fino ai giorni nostri.

Le famiglie possono essere eterne

I membri della Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni credono che ogni essere umano nato sulla terra abbia prima vissuto come spirito in cielo con Dio, il nostro Padre Celeste. Ognuno di noi viene sulla terra per essere messo alla prova in questa esperienza terrena. Seguendo i principi del Vangelo sulla terra, ognuno di noi può tornare alla presenza di Dio, dove vivremo eternamente con le nostre famiglie.

Quanto insegna la Chiesa sulle relazioni familiari che continuano dopo la morte è diverso dalle altre fedi cristiane. Per continuare dopo la mortalità, il matrimonio deve aver luogo nel tempio. Anche le coppie che si uniscono alla Chiesa già sposate possono avere il loro matrimonio “suggellato” in cerimonie identiche, e i loro figli possono essere suggellati a loro. Per questo, i templi “mormoni” non sono luoghi di regolare culto domenicale o congregazionale. Vengono costruiti specificamente per questi “matrimoni eterni” e altre cerimonie basate sulla persona e la famiglia. Affinché il matrimonio nel tempio rimanga valido, marito e moglie devono amarsi e rimanere fedeli l’uno all’altra, continuare a seguire un percorso di carità cristiana e mantenere l’impegno preso per tutta la vita.

I templi e la genealogia

I templi hanno anche un altro scopo fondamentale oltre ad unire le famiglie per l’eternità. Si possono celebrare le cerimonie del tempio anche per i milioni di persone che hanno vissuto e sono morte senza avere la possibilità di sapere del matrimonio del tempio, tramite dei procuratori viventi a loro favore. Normalmente, in queste cerimonie i membri della Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni sono procuratori per i propri antenati defunti, celebrando anche battesimi e suggellamenti per mariti e mogli, genitori e figli. Nel credo dei Santi degli Ultimi Giorni, tutto il lavoro di tempio ha validità solo se sarà volontariamente accettato in cielo da ogni persona per cui è stato celebrato.

Facebook Twitter Google+